Ai microfoni di Sky, è intervenuto l’attaccante del Napoli Lorenzo Insigne, che ha parlato del suo ritorno al gol e della vittoria contro la Sampdoria: “Ero un po’ giù perché non riuscivo a segnare. Ma io devo aiutare la squadra a vincere e a raggiungere traguardi importanti. 

Di solito parto lento, quest’anno sono partito più veloce e poi mi sono bloccato“.

Sulla Sampdoria: “Abbiamo subito all’andata. Loro giocano bene palla a terra, come facevamo noi con Sarri. Mettendo la voglia giusta, stasera abbiamo fatto una grande partita e l’abbiamo portata a casa“.

Sugli abbracci con Ancelotti e con Quagliarella: “Con il mister ho un ottimo rapporto. Mi ha sempre dato fiducia e ho sempre cercato di ripagarlo. Oggi mi aveva detto che facevo gol e per questo l’ho abbracciato ancora più forte.

Quagliarella, invece, è un grande giocatore, lo stimo. Mi dispiace che non abbia fatto il record. È giusto che non ci ha segnato, visto che ci fa sempre gol. Spero che dalla prossima partita possa tornare a fare bene“.

Su Hamsik e sulla sua possibile partenza verso la Cina: “Sappiamo che Marek è un campione in campo e fuori. Per noi è un esempio. Sta qui da 12 anni ed è giusto che i tifosi lo acclamino, speriamo resti con noi ma la scelta spetta a lui“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here